Conto Banco Posta

Il conto BancoPosta è un conto corrente di poste italiane a canone annuo fisso pari a 30.99€.

Il conto non prevede spese di apertura ne chiusura.

Il tasso di interesse lordo dal 01/09/11 è pari allo zero.

Con il Conto Banco Posta hai l’attivazione gratuita di Bancoposta Online per gestire il conto via internet. Puoi trovare su BancoPosta Online l’elenco delle operazioni gratuite e a pagamento.

Si ha inoltre diritto gratuitamente a:

  1. Rid (domiciliazione utenze) e libretto assegni gratis
  2. prelievi gratis presso postamat *
  3. ricariche online postepay
  4. fare ricariche cellulare (TIM, Vodafone, Wind, Tre) online
  5. pagamento bollettini online
  6. controllo estratto conto online
  7. Addebito tributi con F23 e F24 allo sportello: gratuita.
  8. Accredito stipendio / pensione.

Se si desidera avere un estratto conto mensile cartaceo lo si paga 1€, mentre sono gratuiti gli estratti conto cartacei con scadenza trimestrale e semestrale.

Essendo un conto corrente è soggetto ai bolli statali, attualmente 34,20€ annui.

Il prezzo per avere la carta di prelievo e pagamento (bancomat), il postamat maestro, è 10€ l’anno.

Se si desidera avere anche una carta di credito, è disponibile Carta di credito Bancoposta Classica al prezzo di € 23,24 anno.

Quanto tempo occorre per passare i soldi dal conto alla postepay?

Generalmente il passaggio è immediato e può essere effettuato sia tramite lo sportello dell’ufficio postale oppure effettuando una ricarica online dal sito delle poste.

Conto Banco Posta: di quali documenti c’ è bisogno per l’ apertura?

Sapere in anticipo cosa serve per aprire un conto click ti fa risparmiare tempo al momento dell’ apertura.

Ti serviranno:

  1. Codice fiscale
  2. Carta di identità

Chiusura conto BancoPosta?

Per chiudere il conto basta recarsi presso lo sportello dove si è aperto il rapporto.

Se si è impossibilitati a recarsi allo sportello, basta inviare una raccomandata A/R.

Posted in Conto Corrente | Tagged | Leave a comment

Conto BancoPosta Più

Il conto BancoPosta Più si unisce alla gamma dei conti correnti postali.

L’apertura cosi come l’eventuale chiusura del conto non hanno alcun costo.

Costi del conto bancoposta Più:

-        Il conto corrente ha delle spese di tenuta conto annue pari a 30,99€

-        Se al conto si vuole affiancare il Postamat, la quota annua da pagare è di 10€

-        Se si vuole anche una carta di credito, come ad esempio la carta BancoPosta Più,

il costo è di 30,99€.

Si possono ridurre le spese?

Si. E’ possibile ridurre sensibilmente le spese del conto.

Si può avere il conto BancoPosta Più comprensivo di postamat e carta di credito BancoPosta Più a soli 30,99€ l’anno con un risparmio di 40,99€.

Cosa bisogna fare per ridurre le spese del conto a soli 30,99€ avendo anche il postamat e la carta di credito?

-        Accrediti stipendio o pensione: è necessario 1 accredito o 1 bonifico in entrata al mese di almeno 700€ e per almeno 10 mesi l’anno.

-        Domicili le utenze: servono 5 addebiti di una o più utenze all’anno. Per il primo anno è sufficiente 1 solo addebito.

-        Attivi la carta Bancoposta Più: la carta si attiva con una telefonata gratuita al Servizio Clienti BancoPosta al numero 800.00.33.22.

Il costo viene completamente azzerato nel caso in cui si attiva la carta di credito Banco Posta Più e la si utlizza ogni anno per almeno 4.800 euro.

Il tasso d’interesse lordo su questo conto corrente è pari allo 0,25%.

Dal 1° settembre 2011 è possibile portare il tasso di interesse all’1%: basta che al 31/12 di ogni anno risulteranno sul conto

-        l’accredito dello stipendio o della pensione

-        la domiciliazione delle bollette

-        l’attivazione carta BancoPosta Più

Ovviamente si ha inoltre diritto gratuitamente al libretto degli assegni, alla domiciliazione utenze e ad estratti conto mensili (sia online che cartacei).

Per avere un quadro di tutti i costi e delle caratteristiche dettagliate del conto, consiglio di leggere i fogli informativi http://www.poste.it/resources/bancoposta/pdf/trasparenza/FI_CBPFPIU.pdf

Posted in Conto Corrente | Leave a comment

Postepay

Cos’ è la postpay?

Postepay è la carta ricaricabile di poste italiane per fare acquisti online e in qualsiasi negozio accetti VISA e VISA electron, anche all’estero.


Molti la definiscono “carta di credito prepagata“, ma è meglio precisare che la postapay è una carta di debito, ricaricabile.
Non viene infatti concesso in anticipo alcun credito dall’ istituto emittente (Poste italiane), al contrario viene “scalata” la disponibilità effettiva ricaricata dal cliente.

Quanto costa fare la postepay?

Per richiedere una postepay bisogna pagare una quota di attivazione una tantum di 5 euro più una ricarica minima all’ acquisto di altri 5 euro.
In tutto costa quindi 10 euro.
Non ci sono costi mensili o annuali, l’ unico altro costo è quello di ricarica (1 o 2 euro)

Come attivare una postepay? Come funziona?

Basta andare in qualsiasi ufficio postale, ed entro 24 ore sarai pienamente operativo.
Cosa serve?
Oltre ai 10 euro già menzionati, bisogna portare con se carta di identità e codice fiscale, e bisogna essere maggiorenni.
Se non hai 18 anni, fatti accompagnare alle poste da un genitore per richiedere la postepay junior.
La postpay non è in alcun modo collegata a un vero conto corrente, quindi si può spendere solo quello che c’ è sulla carta.
D’ altro canto, questo evita di correrere 2 rischi principali:
- non si può andare mai in rosso (a parte casi particolari, li vedremo in seguito)
e quindi ci si deve necessariamente limitare nelle spese: questo evita gli altissimi interessi passivi (intorno al 20%) che i risparmiatori meno responsabili si trovano a pagare ogni mese
- non si corre il rischio di grandi truffe in caso di smarrimento dei dati dellapropria carta
Un consiglio: usa la tua postepay solo per quello che è una: una carta di pagamento (se la colleghi a paypal è ancora più comoda, leggi qui come fare)
Diffida da chi ti chiede una “ricarica postepay” come metodo di pagamento. Le ricariche le devi fare solo sulla carta intestata a te o al massimo su quella di un amico.
Non ho mai visto aziende serie e affermate richiedere una ricarica postepay per pagare prodotti e servizi. Sarebbe semplicemente ridicolo!
Ormai sono quasi 10 anni che uso la postepay per fare acquisti online, e posso dire che funziona benissimo su questi grandi siti:

Lista dei siti che accettano postepay

ebay (collegata a un conto paypayl)
amazon
zavvi
monclick
play.com
ryanair (prima non si pagavano commissioni di pagamento, ora vale solo
per mastercard)
easyjet
itunes
e la lista continua (in aggiornamento)
Ricarica massima di una postepay (plafond): 3000 euro
Importo massimo per singola ricarica: fino al raggiungimento di 3000 euro (500 euro alla sisal, massimo 2 ricariche al giorno)

Come e DOVE ricaricare la postepay?

Per ricaricare la propria postepay esistono 2 modi principali
1) ricarica alle poste tramite modulo di ricarica postepay
Per effettuare questa ricarica è necessario compilare il modulo con questi dati: nome, cognome, codice fiscale, numero della carta postepay da ricaricare.
Ricorda di portare in originale il documento “codice fiscale” o anche la tessa sanitaria (dove è comunque presente)
Si può ricaricare la postepay presso tutti gli uffici postali, al costo di 1 euro.
2) Ricaricare la postepay nelle ricevitorie Sisal (quelle del superenalotto)
Stessa storia della ricarica alle poste, sono necessari gli stessi dati anagrafici.
C’ è una notizia buona e una cattiva:
1. risparmierai tanto di quel tempo speso in coda alle poste (media personale, 20 minuti)
2. dovrai pagare 1 euro in più per ogni ricarica. Una ricarica postepay in ricevitoria costa infatti 2 euro anzichè 1.
Quindi la ricarica nei punti sisal è davvero la migliore scelta?
Dipende.
Se ricarichi spesso la postepay, sicuramente sì. Moltiplica 20 minuti per il numero di ricariche che fai in un anno, e il conto è presto fatto: in un anno sono arrivato a buttare completamente 240 minuti della mia vita !
Se sei spilorcio no: in un anno puoi risparmiare fino a 10 euro! Ehm… davvero il tuo tempo vale così poco?
3) Ricarica della postpay tramite Bancoposta o Bancoposta Click (il conto corrente online di poste italiane)
Con entrambi i conti puoi ricaricare la postepay online. Funzione davvero molto comoda, ma dovrai fare i conti con una tassa, il bollo statale, per circa 34 euro annui. Ci sono poi anche dei costi di gestione per Bancoposta e Bancopostaclick (clicca sui nomi per approfondire).
Il costo della ricarica online tramite i 2 conti banco posta è sempre di 1 euro.
Consiglio questa terza soluzione al “problema” della ricarica solo se avete effettivamente bisogno di un conto corrente e non e avete già uno.
Ora voglio usare questo spazio per risolvere (a me e a voi) uno dei problemi che mi sono capitati più spesso una volta arrivato alle poste: i moduli di ricarica postepay non si trovano (quasi) mai!
E quando ci sono, sono disponibili le fotocopie degli stessi.
Siccome poi mi piace ottimizzare i tempi (perdere tempo non piace a nessuno) compilo sempre in anticipo il modulo di ricarica, prima di andare alle poste.

Trasferire denaro da una postepay all’ altra.

Si può anche mandare soldi da una postepay all’ altra. Tipico il caso in cui un genitore abbia giò la sua postepay carica e trasferisce parte del suo saldo al figlio.

Come prelevare DALLA postepay?

Può capitare di essere in viaggio, in Italia o all’ estero ad avere bisogno di contanti.

In questo caso, si può prelevare da praticamente tutti gli sportelli bancomat del mondo (ATM).
Basta assicurarsi che venga esposto il marchio visa, ed il gioco è fatto.
Sono sincero, delle volte mi è capitato (ad esempio in Spagna) che uno sportello rifiutasse la carta.
In quel caso mi è bastato andare al successivo bancomat, qualche decina di metri più in là.
Potrebbe anche capitare che la carta non venga accettata nei negozi, per qualche oscuro motivo (nonostante il negozio accetti visa e visa elettron)
In quel caso, calma e sangue freddo. Vi fate mettere da parte gli aquisti, andate nel più vicino sportello bancomat e pagate in contanti.
Non è poi la fine del mondo, no?

Quanto costa prelevare dalla postepay?

In Italia da bancomat: 1,75 euro
In Italia da sportello postamat (si trovano presso quasi tutti gli uffici postali) 1 euro
All’ Estero in area euro: 5 euro. Ovvero nel resto del mondo, con valuta diversa dall’ euro (dollari, sterline…)
Il prelievo massimo da postepay è di 250 euro al giorno. In un mese puoi prelevare quanto vuoi.
Postepay è di gran lunga la carta di pagamento più usata in Italia.
Essenzialmente perchè è stata una delle prime ricaricabili, ma soprattutto perchè si può fare alle poste, una vera istituzione per noi italiani.
Delle poste ci si può fidare e c’è sempre un ufficio postale a 2 passi da casa.
Tutto questo successo è però determinato anche dalle ottime caratteristiche della carta.

Cosa si può fare con la postepay?

Sicuramente molto di più di quello che crede la maggior parte della gente, vediamolo insieme.
Nota: per sfruttare a pieno la postepay è necessario registrarsi ai servizi online
di poste.it

Funzioni di base della postepay

  1. Verifica del saldo, cioè del credito residuo. (disponibile su richiesta anche una “stampata” presso gli uffici postali)
  2. fare ricariche per cellulare (operatori TIM, WIND, VODAFONE, TRE, Poste Mobile ). Le ricariche sono gratis e non ci sono costi di ricarica. Il taglio minimo è di 10 euro.
  3. Pagare bollettini online: direttamente da postepay.it (dopo il login , clicca nella parte destra “Pagamento bollettini” ti si presenterà un bollettino in bianco da compilare.
  4. Pagare il canone rai (con la stessa procedura di sopra)
  5. Pagare il bollo auto (idem)

 

Notifiche via sms: dopo qualsiasi pagamento effettuato con postepay potrai ricevere una notifica via sms che ti avverte dell’ evento. Questo ti dà una sicurezza in più.
Anatomia di una carta postepay
1. Numero a 16 cifre: è il numero della carta, non in rilievo
2. Scadenza: la postepay presenta una data di scadenza nel formato MM/AA (mese anno). Ha una durata di 6 anni circa per le nuove attivazioni.
3. ccv2. Cos’ è? Se ti sei mai preoccupato di un furto dati della tua postepay, è proprio questo codice a tre cifre l’ unico dato sensibile, da non dare mai a nessuno , nemmeno per acquisti via telefono. E’ sicuro inserirlo solo nei siti che hanno un carrello con protocollo SSL (assicurati di leggere https nella barra degli indirizzi, in fase di aquisto)
4. pin: è il codice a 5 cifre che ti viene consegnato in fase di attivazione di una nuova postepay.
Ti serve per gli acquisti nei negozi e per i prelievi, ma non online.

La postepay è sicura?

E’ sicura come qualsiasi altra carta ricaricabile. Spesso l’ insidia principale è il cliente stesso, e non la carta.
Dal 2010 Poste Italiane ha dotato la postepay con chip ad ulteriore sicurezza.
Questo ti costringe a dover inserire il pin ad ogni tuo acquisto, ma è una sicurezza in più.

Cosa fare in caso di furto (per scippo) o smarrimento della carta?

La prima cosa da fare è bloccare la carta.

Per il blocco della carta dovrai chiamare un numero di assistenza specifico, che consiglio di inserire nella rubrica del tuo cellulare.
In Italia: numero verde 800.90.21.22
Quando sei all’ estero: +39.02.34980.131 (numero con prefisso di Milano)
Successivamente dovrai fare una denuncia, riguardo a questo (speriamo non
capiti mai) ti potrai far aiutare dall’ assistenza clienti.
La stessa procedura va fatta nel caso in cui sospetti che la tua carta sia stata
clonata.

Postepay scaduta (o sta per scadere): cosa fare?

Non c’ è bisogno di andare di nuovo alle poste e aprire una nuova postepay.
Per il rinnovo non bisogna neanche pagare il costo di attivazione: è gratis!
Basta chiamare questo numero: 800.00.33.22 e seguire le istruzioni. Non ti devi neanche disturbare di compilare nuovi moduli!
Una volta che ti sarà recapitata a casa la nuova postepay…

Come attivare la nuova postepay?

Chiama il numero 800 00 33 22
Segui la voce guida, avendo davanti a te la nuova e la vecchia carta

Difetti postepay?

Proprio a cercare il pelo nell’ uovo, se dovessi dire qual è un difetto della postepay?

  1. Beh, dopo le ore 23:30 non è possibile consultare il saldo o fare altre operazioni di ricarica o altro tramite i servizi online di poste.it Segnalati casi in cui la postepay non funziona per gli acquisto dopo il sudetto orario. Una limitazione che altri prodotti della concorrenza non hanno e che sarebbe meglio eliminare. Tante persone fanno acquisti anche in tarda serata e voglio assicurarsi che sia tutto ok andando a controllare l’estratto conto.
A mio avviso il maggiore limite è quello di non poter mandare nè ricevere bonifici.
Questo è un limite che è stato superato da altri prodotti della concorrenza quali la Genius Card di Unicredit —>

 
Genius Card Contactless Image Banner 660 x 90

Posted in Carte | Leave a comment

BancoPosta Classica

Per i titolari del conto bancoposta e bancoposta click è stata ideata la carta bancoposta classica.

Questa carta è emessa da Deutsche Bank S.p.A e opera sul circuito MasterCard.

Il costo annuo della carta è 23.24€ e se si desidera avere una carta aggiuntiva si deve pagare 15.49€.

La carta bancoposta classica prevede un fido iniziale di 800€, elevabile facendo richiesta che deve essere valutata.

L’estratto conto è redatto il giorno 18 di ogni mese mentre il giorno di addebito sul Conto BancoPosta è il 28 di ogni mese.

Nel caso in cui si voglia l’estratto conto mensile cartaceo, il costo è 1.03 € mensile, altrimenti, se si scegli di riceverlo per via telematica, è gratuito.

Il rimborso della spesa effettuata con la carta può avvenire in due modi:

-        a saldo, per pagare gli acquisti senza interessi il mese successivo oppure 40 giorni dopo l’acquisto.

-        a rate (modalità revolving): il tasso di interesse massimo TAEG in questo caso è l’16.66% e la durata del rimborso va da un minimo di 6 a un massimo di 24 mesi.

Nel caso in cui si scelga di pagare a rate, queste ammontano a

- 50,00 euro per saldi a debito fino a 900,00 euro.

- 1/18 del saldo a debito per saldi di importo superiore a 900,00 euro.

In qualsiasi momento si può modificare l’importo della rata o decidere di tornare alla modalità di pagamento a saldo.

Per stabilire la rata che si ritiene più congrua al proprio budget, basta chiamare il servizio Clienti, al numero 0432744255 nei primi 15 giorni del mese.

Cosa serve per richiedere la carta bancoposta classica?

-        domicilio in Italia

-        un reddito

-        regolare contratto di lavoro in caso di lavoratore dipendente

-        per lavoratori autonomi sono richiesti 1 anno di anzianità di attività lavorativa e 6 mesi di anzianità di rapporto di conto corrente.

-        Nel caso di cittadini extracomunitari: permesso di soggiorno

-        non possedere già un’altra carta di credito BancoPosta emessa da Deutsche Bank con la stessa modalità di rimborso.

-        per lavoratori dipendenti/pensionati è previsto l’obbligo di accredito dello stipendio o della pensione

Quali documenti servono per richiedere la carta?

Lavoratori dipendenti:

-        documento di identità in corso di validità  (Carta d’identità, Patente, Passaporto)

-        Codice Fiscale

-        ultima busta paga

Possono andar bene anche fotocopie.

Lavoratori autonomi:

-        documento di identità in corso di validità (Carta d’identità, Patente, Passaporto)

-        Codice Fiscale

-        Modello Unico

-        per i liberi professionisti fotocopia dell’iscrizione all’albo o copia del tesserino di iscrizione all’ordine

-        per tutte le altre categorie di lavoratori autonomi (commercianti, artigiani, ecc.) fotocopia dell’iscrizione alla Camera di Commercio

Se la carta è danneggiata o smagnetizzata cosa si deve fare?

Per i titolare di una carta BancoPosta Classica, BancoPosta Oro, la carta va annullata: basta tagliarla. Bisogna poi inviare la carta a mezzo raccomandata e fare richiesta di una nuova a questo indirizzo:
Centro Relazioni Clienti BancoPosta presso BankAmericard, Via Nizzoli, n. 8, 20147, Milano

La carta Bancoposta classica è una vera carta di credito?

Si. La Carta bancoposta Classica è a tutti gli effetti una carta di credito Mastercard non electron.

Numero in caso di furto o smarrimento?

In caso di smarrimento o di furto di una carta BancoPosta Classica, BancoPosta Oro o Credit Easy, devi telefonare subito (per bloccare la tua carta) al numero verde 800-207167, se chiami dall’Italia;

al numero 0039 0432 744106, se chiami dall’estero

Si può noleggiare una macchina utilizzano la una carta BancoPosta Classica?

Si in quanto è una vera carta di credito e non una ricaricabile.

Posted in Carte | Leave a comment

Bancoposta più

Per i titolari del conto bancoposta più è stata creata la carta bancoposta più.

La carta BancoPosta Più viene presentata dalle Poste Italiane come una carta flessibile, innovativa, conveniente e sicura ed è emessa in collaborazione con Compass S.p.A

La carta è del circuito Mastercard e ha un costo annuo di 30.99€;

In caso di utilizzo durante un anno di una somma  > 4800€, il canone della carta viene rimborsato da Poste Italiane e quindi la carta è gratuita.

In base alla valutazione dell’Emittente c’è la possibilità di avere un fido minimo di €2600.

Il rimborso della spesa effettuata con la carta può avvenire in due modi:

-        a saldo, per pagare gli acquisti senza interessi il mese successivo

-        a rate (modalità revolving): il tasso di interesse massimo TAEG in questo caso è l’19.76% e la durata del rimborso va da un minimo di 6 a un massimo di 24 mesi.

Carta bancoposta più: è sicura?

E’ previsto un servizio di sms alert: il cliente ha la possibilità di ricevere gratuitamente un sms ogni volta che spende una cifra >180€. Se il cliente lo desidera, può ricevere l’sms anche per somme <180€ ma in questo caso il messaggio inviato sarà a pagamento.

Il giorno di addebito sul Conto BancoPosta è il 12 del mese successivo al mese di riferimento dell’estratto conto.

Nel caso in cui si voglia l’estratto conto mensile cartaceo, il costo è 1.1€ mensile.

Chi può avere la carta BancoPosta Più?

La Carta BancoPosta Più è concessa a chiunque possegga un reddito da lavoro dipendente/autonomo o pensione e che non abbia superato i 70 anni di età.

Quali documenti servono per richiedere la carta?

1)     Documento di identità valido

2)     Codice fiscale

3)     Documento di reddito ( busta paga)

C’è un numero verde?

Si, il numero per le informazioni è: 800.00.33.22

In caso di furto o smarrimento: 800207167

Posted in Carte | Leave a comment

Carta BancoPosta Oro

La Carta BancoPosta Oro è riservata ai correntisti BancoPosta ed è emessa da Deutsche Bank S.p.A.

Grazie a questa carta oro si può disporre di una maggiore capacità di spesa e di una serie di servizi aggiuntivi di assistenza ed assicurazione, quali assistenza all’estero, assistenza auto, anticipo contanti, protezione d’acquisto, assistenza 24 ore su 24.

La carta è del circuito Mastercard e ha un costo annuo di 46.48€;

nel caso si voglia un’altra carta aggiuntiva, il prezzo è di 25.82€.

L’estratto conto è redatto il giorno 18 di ogni mese mentre il giorno di addebito sul Conto BancoPosta è il 28 di ogni mese.

Nel caso in cui si voglia l’estratto conto mensile cartaceo, il costo è 1.03 € mensile, altrimenti, se lo si vuole per via telematica, è gratuito.

Il rimborso della spesa effettuata con la carta Bancoposta oro può avvenire in due modi:

-        a saldo, per pagare gli acquisti senza interessi il mese successivo( è possibile anche posticipare i pagamenti fino a 40 giorni dalla data degli acquisti)

-        a rate (modalità revolving): il tasso di interesse massimo TAEG in questo caso è l’15.12%.

Nel caso in cui si è scelto di rimborsare a rate, queste ammontano a

- 500,00 euro per saldi a debito fino a 2000,00 euro.

- 1/4 del saldo a debito per saldi di importo superiore a 2000,00 euro.

Quando lo si desidera, si può sempre modificare l’importo della rata o decidere di tornare alla modalità di pagamento a saldo.

Per stabilire la rata basta chiamare il servizio Clienti, al numero 0432744255 nei primi 15 giorni del mese.

La carta Bancoposta Oro ha un fido? A quanto ammonta?

Si, la carta bancoposta oro ha un fido iniziale di ben 5200€.

Chi può richiedere la carta bancoposta oro?

Condizione fondamentale è avere un reddito annuo di almeno 26.000 euro netti.

E’ necessario poi, oltre al conto bancoposta, essere in possesso di un reddito da lavoro dipendente, da pensione oppure da libera professione (presentando la relativa documentazione comprovante in tutti i casi.

Cosa devo fare per richiedere la carta?

Ci rivolge all’ufficio postale, si compila la richiesta e si attende la valutazione con relativa risposta dall’emittente (Deusche Bank ). I tempi di attesa sono di circa  2 settimane.
Se la richiesta viene accettata, riceverai direttamente a casa la carta di credito ed il codice pin per poterla utilizzare.

Posted in Carte | Leave a comment

Prestito BancoPosta

Il prestito BancoPosta è la soluzione più indicata per i titolari del Conto BancoPosta che hanno necessità di realizzare progetti personali o della loro famiglia.

Quando si richiede un finanziamento è molto importante valutare e conoscere le condizioni che ci verranno applicate.

Quali sono le condizioni del prestito BancoPosta?

L’importo minimo del prestito è 1.500€ e il massimo è  30.000€.

La durata varia da un minimo di  12 mesi ad un massimo di  84 mesi.

Per quanto riguarda i tassi di interesse del finanziamento:

TAN fisso:

-        10,95 % per importi fino a 10.000 euro

-        9,95 % per importi oltre 10.000 euro

TAEG:

-        11,65 % per importi fino a 10.000 euro

-        9,95 % per importi oltre 10.000 euro

Le spese di istruttoria cosi come le commissioni di incasso e l’invio delle comunicazioni sono gratuite.

L’accredito dei soldi avviene direttamente sul conto banco posta e l’addebito è su base mensile.

C’è la possibilità di contro assicurare l’importo erogato; i costi sono i seguenti:

-        2% dell’importo erogato per durate fino a 60 mesi

-        3,65% dell’importo erogato per durate oltre 60 mesi

E’ possibile calcolare la rata mensile, facendosi stampare il prospetto di ammortamento dal consulente di Poste Italiane.

Quali documenti servono per richiedere il prestito bancoposta?

1)     Documento di identità valido

2)     Essere titolari di un conto bancoposta

3)     Documento di reddito ( busta paga)

4)     Essere maggiorenne

Si puo annullare una richiesta di Prestito Bancoposta?

La risposta è affermativa. Una richiesta non equivale ad un impegno.

Fino a quando non firmi il contratto dove accetti la proposta non ci sono vincoli a dover accettare ad ogni costo.

Si può richiedere on line? Quanto tempo occorre per ricevere un prestito banco posta on line?

Le tempistiche, se vengono presentati tutti i documenti necessari, sono veloci.

In media, con 10 giorni lavorativi si ha una risposta.

Si può avere il prestito senza busta paga e senza garante?

La richiesta di adeguate garanzie da parte degli istituti finanziatori è sempre indispensabile per valutare la possibilità del finanziamento.

Si può accedere al prestito bancoposta senza busta paga, ma inserendo nel contratto un garante.

In assenza sia della busta paga che del garante, il prestito non potrà essere erogato.

Posted in Prestiti | Leave a comment

Prontissimo BancoPosta

Il prestito prontissimo BancoPosta è un particolare finanziamento che Poste Italiane rende accessibile a tutti in quanto:

1)     non è necessario essere titolari del conto bancoposta

2)     non è necessario avere in generale un conto corrente bancario.

Ad ulteriore vantaggio di questo finanziamento di poste italiane è la tempistica: viene infatti data immediatamente la risposta circa l’esito della richiesta di finanziamento.

L’importo minimo del prestito è 1.500€ e il massimo è  10.000€.

La durata del prestito varia da un minimo di  24 mesi ad un massimo di  72 mesi.

Per quanto riguarda i tassi di interesse del finanziamento:

-        TAEG   massimo 13,34%

Le spese di istruttoria, commissioni di incasso, l’invio delle comunicazioni e l’eventuale richiesta di estinzione anticipata sono gratuite.

L’accredito dei soldi può avvenire tramite :

-        Bonifico domiciliato in Ufficio Postale

-        accredito su conto BancoPosta (per chi lo possiede)

Quali documenti servono per richiedere il prestito?

1)     Documento di identità valido

2)     Documento di reddito: ultima busta paga, se si è lavoratori dipendenti, ultimo cedolino della pensione, se si è pensionati o il modello unico nel caso in cui se si è lavoratori autonomi.

3)     Nel caso di cittadini stranieri: il permesso di soggiorno

Chi può richiedere il prestito?

Tutti, basta avere un’età compresa tra 18 e 70 anni.

Come richiedere prontissimo? consigli per l’uso

1)     Una volta capito quale sia l’ufficio postale più vicino a casa abilitato a fornire finanziamenti, prendere appuntamento con un consulente.

2)     Presentarsi all’appuntamento, fornire i propri documenti e compilare i moduli che verranno proposti( è possibile avere un prospetto del calcolo della rata): a quel punto la richiesta verrà vagliata e, in caso di esito positivo, i soldi verranno accreditati sul conto in circa 48 ore

Ricapitolando, il prestito prontissimo BancoPosta è quindi un finanziamento personale di importo minore (massimo 10.000€) rispetto al prestito bancoposta, non è necessario avere un conto corrente ed i tempi di lavorazione della pratica sono molto più rapidi.

Posted in Prestiti | Leave a comment

Quinto BancoPosta

Il prestito personale quinto bancoposta è studiato per i pensionati INPS e INPDAP ed è basato sulla cessione del quinto dello stipendio.

Quali sono le caratteristiche principali del prestito quinto BancoPosta?

1)     Non è necessario avere un conto corrente postale o un conto corrente bancario.

2)     L’importo finanziabile dipende dall’importo della pensione che si riceve ogni mese

3)     Il rimborso del prestito avviene tramite la trattenuta della rata direttamente sulla pensione fino a un massimo di 1/5 (20%) della stessa.

4)     La durata del finanziamento varia da un minimo di  36 mesi (3 anni) ad un massimo di  120 mesi (10 anni).

5)     E’ obbligatorio contro assicurare il finanziamento tramite un’assicurazione sulla vita garantita dal fondo rischi INPDAP. In questo modo, nel caso in cui dovesse accadere il decesso del destinatario del prestito, un’assicurazione finirebbe di ripagare le rate rimanenti e quindi i familiari o parenti non avrebbero nessun obbligo nei confronti di Poste Italiane.   Il costo dell’assicurazione varia in base all’età del pensionato e dalla durata del prestito ed è sempre incluso nella rata che si andrà a pagare tramite trattenuta sulla pensione.

Come avviene l’accredito dei soldi del prestito?

L’accredito può avvenire in 3 modi:

1)     Accredito su Conto BancoPosta

2)     Bonifico su conto corrente bancario

3)     Assegno postale vidimato.

Quinto BancoPosta: conviene?

Generalmente i tassi di interesse riguardanti la cessione del quinto erogati da Poste Italiane hanno tassi interessanti.

In ogni caso, basta farsi fare il prospetto da un consulente dell’ufficio postale dove si è fatta richiesta.

Posso richiedere il quinto bancoposta se sono stato protestato? H3

Si, questa tipologia di finanziamento è concessa anche a chi è protestato.

 

Per ogni altra informazione, rimandiamo alle condizioni generali:

http://www.poste.it/resources/bancoposta/pdf/prestiti/condizioni_generali_quinto.pdf

Posted in Prestiti | 1 Comment